martedì 3 maggio 2011

Sony e 100milioni di utenti

Un dato varamente preoccupante: oltre ai dati degli utenti PSN (PlayStation Network), 77 milioni, altri 25milioni di utenti si sono visti rubare l'identità e sono gli iscritti al Sony Online Entertainment.
A questo punto, l'utente medio cosa deve pensare?
Hai voglia a raccontare che quando ti connetti devi verificare che la connessione sia sicura, https e vedere il lucchetto, perché se poi i dati vengono resi intelleggibili agli hacker tutto ciò non serve a niente.
Qualche osservatore notava che sembra quasi una pubblicità per PayPal, nel senso che anche se rubi l'account, puoi bloccare tutto.
In realtà, il furto del numero di carta di credito è relativo, nel senso che bastano pochi accorgimenti per evitare problemi. Il primo è semplice: non viene mai memorizzato il secure code, quello dietro la carta, per cui online difficilmente riusciranno a fare delle transazioni.
Il secondo è un sistema intelligente che molte banche offrono gratuitamente ai propri clienti: un sms ad ogni transazione. In quel caso, in tempo reale, potrete bloccare il pagamento.
Bastano piccole cose.
E soprattutto, non rispondete al richiamo del momento: Pippa Middleton.
Essendo l'argomento più cliccato, non cadete in tentazione (con Pippa e in generale con messaggi sospetti). Il motivo non è la vostra sicurezza in se, quanto il fatto che spesso questi richiami nascondo insidie per avere il controllo del computer o per infettarlo e usarlo per realizzare azioni criminali, come un attacco per scoprire dove sono conservati i dati degli utenti.
Mi raccomando, state attenti, ma al tempo stesso fidatevi dei servizi online se seguite le tre regole (https, secure code, sms).

adv

Archivio blog

Influencer

Designed By Seo Blogger Templates